L'Archivio di Stato venne istituito come sezione con DM 15 Aprile 1959 e divenne Archivio di Stato con il DPR n. 1409/1963, con il compito di raccogliere la documentazione storica di tutti gli uffici statali della provincia, relativa agli affari esauriti da oltre quarant'anni.

L'Istituto conserva un patrimonio documentario di circa quattordicimila unità, suddivisi in fondi, i più importanti dei quali sono: Atti Notarili, Prefettura, Cessato Catasto, Tribunale, Pretura e Questura, cui si aggiungono donazioni private di documenti e libri.

Si segnala la presenza di una ricca biblioteca specialistica con pubblicazioni relative alla storia sarda ed in particolare alle discipline archivistica, paleografica e diplomatistica.

La sede è ubicata nel cuore della città lungo le pendici del colle Sant'Onofrio, nella Via A.Mereu, 49. 

NEWS

Locandina_4giugno2021 

 

In occasione de "La Notte degli Archivi" venerdì 4 giugno 2021 dalle ore 18:30 si terrà l'evento dal titolo: "A chi passeremo il testimone?", una staffetta culturale per riflettere sul tema del ricambio generazionale e sull'importanza delle fonti archivistiche.

Sarà possibile seguire la diretta sulla nostra pagina Facebook o sul nostro canale YouTube.

 

 

AVVISO

Si comunica ai gentili utenti che a decorrere da Giovedì 4 marzo 2021 il servizio della sala di studio subirà un incremento dell'orario di apertura come di seguito:

Martedì: 10:00-13:00 / 14:00-16:00
Mercoledì: 10:00-13:00 / 14:00-16:00
Venerdì: 10:00-13:00

Si consiglia di prendere visione del regolamento riportato di seguito per le modalità di accesso alla sala.

 

REGOLAMENTO PER L’ACCESSO ALLA SALA DI STUDIO

Si informano i gentili Utenti che, nel rispetto delle norme relative all’emergenza Covid-19, l’accesso alla Sala di studio sarà consentito, fino a nuove disposizioni, ad un massimo di 4 utenti per turno.
È necessario pertanto effettuare la prenotazione entro le ore 12:00 della giornata precedente tramite mail all’indirizzo dell’Istituto as-nu.salastudio@beniculturali.it. L’Istituto darà successivamente conferma dell’accettazione.
Qualora l’utente non possa più effettuare la ricerca nel giorno indicato, è pregato gentilmente di comunicare la disdetta, onde permettere ad altri utenti di effettuare a loro volta le proprie ricerche. In ottemperanza al principio di rotazione, a ciascun utente sarà possibile prenotarsi per un massimo di due turni settimanali ed il secondo solo previa disponibilità della sala.
L’utente dovrà accedere alla Sala di studio con la mascherina, correttamente indossata per tutto il periodo di permanenza nella stessa, depositare gli oggetti personali negli appositi armadietti, disinfettare le mani all’ingresso con il gel disinfettante messo a disposizione dall’Istituto, e successivamente compilare, con il proprio materiale di cancelleria, un modulo messo a disposizione dall’Archivio di Stato recante un’autocertificazione nella quale lo stesso dichiara di non avere una temperatura superiore ai 37,5°, di non essere sottoposto alla misura della quarantena o dell’isolamento fiduciario con sorveglianza sanitaria ai sensi della normativa in vigore, di non avere sintomi riconducibili al COVID-19.
Dovrà poi compilare la modulistica relativa all'accesso alla Sala di studio, dove verrà assegnato un tavolo presso il quale potrà consultare, nel rispetto delle distanze prescritte, fino a un massimo di 4 pezzi archivistici e due librari.
È consentita esclusivamente la visione degli strumenti di ricerca digitali.